VANGELO DEL 27 NOVEMBRE 2016 – I DOMENICA DI AVVENTO

gesu-lampada1

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 24,37-44)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 37Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. 38Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, 39e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. 40Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. 41Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.

42Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. 43Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. 44Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo.

COMMENTO AL VANGELO DI MONSIGNOR ROBERTO BRUNELLI

Fascino e mistero del tempo, in cui tutti siamo immersi. Cercando di coglierne il senso e le dinamiche, i pensatori l’hanno concepito sostanzialmente in due modi: mentre gli antichi lo immaginavano ciclico (tutto prima o poi ritorna), la visione ebraico-cristiana, seguita ora in tutto il mondo, concepisce il tempo come lineare, con un suo inizio, uno svolgimento e una conclusione. Nell’ottica della Bibbia, all’inizio si colloca la creazione del mondo, seguita dall’attesa del Messia, dalla sua venuta, dalla successiva fase (quella in cui al presente noi siamo immersi) e dalla conclusione, quando la successione dei giorni e degli anni avrà termine, sfociando nell’eterno presente di Dio e degli uomini che sono con Lui.

La liturgia richiama ogni anno l’intero percorso, cominciando con la fase detta Avvento, di cui oggi è la prima domenica. Avvento significa ‘venutà, sottintendendo ‘di Dio’: si ricorda la prima, quella di duemila anni fa nella persona del suo Figlio (di qui la celebrazione del Natale), per imparare come attendere la seconda, quella che ci vedrà passare dal tempo all’eternità.

In genere i cristiani hanno presente il Natale: tutti lo celebrano, pur se spesso in forme improprie; molto meno sono consapevoli della seconda venuta. Sarebbe opportuno invece prendere coscienza di quest’altra componente dell’Avvento, che è appunto l’attesa delle realtà ultime della fede. L’attendere oggi è percepito come qualcosa di negativo, un tempo sprecato; non è questo però il senso della parola: ‘ad-tendere’, tendere a, esprime tensione positiva e attiva verso qualcosa o qualcuno. Questa dovrebbe essere per i cristiani l’attesa dell’incontro con Dio, per restare poi sempre con Lui; un’attesa operosa e fervida del giorno senza tramonto, in cui si potranno beare per sempre nella contemplazione del volto del Signore.

Di questa attesa in verità si vedono poche tracce, tanto da far dire a Ignazio Silone, autodefinitosi “cristiano senza chiesa”, di non essere interessato a cristiani “che attendono il ritorno del Signore con lo stesso entusiasmo con cui si aspetta l’autobus”. Di qui l’auspicio che l’Avvento 2016, anche per i recenti salutari richiami dell’Anno santo appena concluso, porti quanti pur si dicono cristiani a riscoprire il senso profondo della fede.

Aiutano allo scopo le letture di oggi, a cominciare dalla prima (Isaia 2,1-5) in cui risuona l’invito ai popoli ad avvicinarsi a Dio “perché ci insegni le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri”, mentre nella seconda (Romani 13,11-14) l’apostolo Paolo esorta: “Fratelli, questo voi farete, consapevoli del momento: è ormai tempo di svegliarvi dal sonno, perché adesso la nostra salvezza è più vicina di quando diventammo credenti. La notte è avanzata, il giorno è vicino. Perciò gettiamo via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce”.

Il vangelo poi (Matteo 24,37-44) parla esplicitamente del ritorno del Signore, inteso come il momento in cui ciascuno vedrà terminare la propria vita terrena e si presenterà davanti a Lui. Gesù raccomanda di tenersi pronti, perché nessuno può sapere quando questo accadrà: “Due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata. Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà”.

Vegliare, cioè svegliarsi dal sonno e mantenersi desti, impegnati nel fare il bene: è l’atteggiamento suggerito per attendere il ‘giorno del Signore’, con le disposizioni interiori di chi spera si compia una promessa. Uno dei prefazi propri di questo tempo dice: “Cristo nostro Signore, al suo primo avvento nell’umiltà della nostra natura umana, portò a compimento la promessa antica, e ci aprì la via dell’eterna salvezza. Verrà di nuovo nello splendore della gloria, e ci chiamerà a possedere il regno promesso, che ora osiamo sperare vigilanti nell’attesa”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...